LAVORO E CAMBIAMENTO

L’evoluzione necessaria

Come ragionare e come imparare a muoversi nel mondo del lavoro per evitare di rimanerne esclusi?

Riallacciandoci all'articolo pubblicato solo due giorni fa sull'iniziativa posta in essere dal Comune di Montesilvano per aiutare giovani e meno giovani a trovare un impiego mirando a far emergere capacità e talento delle persone e cercando di favore l'incontro tra domanda ed offerta, può però essere d'aiuto, fare alcune riflessioni finalizzate a far acquisire al lettore un nuovo punto di vista sul delicato argomento “lavoro”.
Il problema dell'occupazione è una delle piaghe peggiori dei nostri giorni ed investe giovani e meno giovani. Assistiamo però ad un evoluzione che ha cancellato lavori un tempo esistenti o alla nascita di altri che un tempo non esistevano.
Ci sono oggi professionalità acquisite nel tempo che potrebbero svanire nel nulla o perdere la loro importanza a causa o in ragione del “progresso” e potrebbero farsi molti esempi al riguardo. Che si accetti o meno questa è la realtà che oggi viviamo e che subiamo in qualche modo. Dunque quale può essere la strategia giusta per sopravvivere in questo momento di grande cambiamento?
E' opinione comune di esperti di settore e formatori di fama nazionale ed internazionale che l'apertura e la predisposizione al cambiamento è il nuovo punto d'inizio per evitare di essere esclusi dal mondo del lavoro. Oggi, non è più di solo rilievo ciò che abbiamo appreso e imparato a fare o ciò che più ci piace ma ciò che il mercato richiede, ciò che è più utile. Oggi gli esperti non fanno che ripetere che vi è la necessità di abbandonare i vecchi schemi e di lasciar spazio a quella che viene indicata come “flessibilità”, la capacità di plasmarsi alle nuove esigenze di mercato. Bisogna essere disposti ad evolversi con i tempi e proprio a questo proposito, sempre gli esperti parlano di “intelligenza emotiva”, cioè la capacità di gestire le proprie emozioni, già in fase di colloquio lavorativo, avere o acquisire la capacità comunicativa necessaria per poter essere in grado di mettere a frutto le proprie capacità che altrimenti non è possibile sfruttare ad oggi e porsi sempre nella posizione di chi è disposto ad imparare e a cambiare. Essere versatili oggi , è l'arma migliore.

di PACIONE JANIRA

Categoria: